Celiachia per Principianti

Cos’è la celiachia? Chi sono i celiaci (non ciliaci, vi prego, e nemmeno celiachi)? Perchè devono mangiare senza glutine? Non si tratta di una semplice intolleranza al frumento e nemmeno di gluten sensitivity.

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine ma con le comuni intolleranze ha poco a che vedere. Si tratta infatti di una malattia autoimmune chiamata anche morbo celiaco, sprue celiaca o malattia celiaca. Non è contagiosa ma geneticamente trasmissibile quindi, se un genitore è celiaco, è molto più facile che i figli siano predisposti a sviluppare qesta particolare forma di intolleranza.

Per diagnosticare la celiachia si procede generalmente ad effettuare delle analisi del sangue mirate per gli anticorpi anti-endomisio EMA e anti-transglutaminasi di classe IgA e IgG. La presenza o meno di tali anticorpi è indice di un’intolleranza al glutine ma solo la gastroscopia può dare sicurezza sulla diagnosi.

Le persone affette da celiachia, infatti, sviluppano anticorpi specifici contro la gliadina, una frazione delle molecole proteiche di glutine, proprio come si sviluppano anticorpi per virus come morbillo e scarlattina. Si dice che malattie come il morbillo si possono prendere una volta sola … in realtà una persona può contrarre il morbillo più volte nel corso della vita ma senza ammalarsi. Ciò avviene perchè i nostri anticorpi memorizzano l’aspetto del virus e sono in grado di riconoscerlo se si ripresenta anche dopo anni.

Lo stesso accade per il glutine. I nostri anticorpi memorizzano la forma delle molecole di glutine come se si trattasse di un virus e, quando lo vedono, imbracciano le armi per distruggerlo. Purtroppo, armandosi per eliminare questa sostanza di per se innocua, gli anticorpi attaccano anche i villi delle pareti intestinali alle quali il glutine si incolla per essere digerito.

Insomma, le iperprotettive difese immunitarie del celiaco si attivano per eliminare il glutine ma, così facendo, distruggono le pareti dell’intestino che non è più in grado di assorbire i nutrienti. L’intestino con i villi seriamente compromessi non è più in grado di assolvere alla sua funzione e, per quanta fatica faccia, non riesce ad elaborare il cibo che gli arriva predigerito dallo stomaco; ogni molecola di cibo diventa un mattone che non è in grado di sbriciolare.

Una bella seccatura. Il celiaco che non segue la dieta aglutinata si trova ben presto ad avere diversi problemi. I sintomi variano moltissimo da una persona all’altra ma quasi sempre troviamo l’onnipresente pancia gonfia con eruttazioni e l’alternarsi di diarrea e stitichezza. Poi subentra il malassorbimento con conseguente calo o aumento dovuto al ristagno di liquidi, sbalzi umorali e depressione, rallentamento della crescita nei bambini, problemi ormonali e di fecondità nelle donne etc.

Se non viene curata adottando un’alimentazione priva di glutine, la celiachia può portare anche al cancro dell’intestino.

A questo punto avrete capito perchè il celiaco deve seguire la dieta senza glutine a vita. Nel momento in cui ingerisce glutine, anche dopo anni di dieta, gli anticorpi si riattivano e ricominciano ad attaccare glutine e villi intestinali.

Questo non accade nei casi di gluten sensitivity, un’intolleranza al glutine che presenta gli stessi sintomi della celiachia ma non prevede l’attivazione degli anticorpi IgA e IgG e quindi nessuna lesione all’intestino. Come distinguerle? Bisogna fare la gastroscopia quando si sta ancora mangiando cibi con glutine. L’esame permette di valutare eventuali danni alla mucosa intestinale e, solo nel caso di lesioni, di diagnosticare con certezza la celiachia.

La celiachia non è un’allergia e quindi non prevede l’attivazione della classe anticorpale IgE. Ciò significa che ingerire glutine non causa shock anafilattico ma può comunque far finire il celiaco al pronto soccorso per altri motivi come il soffocamento da vomito o l’edema cerebrale.

Visto che questa malattia si cura solo con un’alimentazione controllata (per tutta la vita) è opportuno fare attenzione ai cibi e alle modalità con cui vengono cucinati. Basta un forno pulito male per trasformare anche il miglior pane senza glutine in una bomba letale.

Se volete qualche consiglio in più su come cucinare per un celiaco cliccate qui e … buon appetito!

Navigando su YouTube mi sono imbattuta in questa motion graphic che spiega con poche immagini il problema del glutine. Se anche voi avete conoscenti che non sanno nemmeno cosa sia la celiachia, mostrateglielo. Più chiaro di così non si può!

P.S. Complimenti a Magicleo88!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...